content top

I piedi sul Friuli (di Mauro Daltin)

I piedi sul Friuli (di Mauro Daltin)

In Friuli c’è un “prima” e un “dopo”. Prima del terremoto e dopo il terremoto. Prima del 1976 e dopo il 1976. Il “prima” è il tempo di una terra dimenticata anche da se stessa in cui l’orologio si era fermato. Il “dopo” è il tempo di una terra in cui l’orologio corre, eccome se corre, per anticipare il futuro. Poco meno di un minuto durò la scossa che il 6 maggio 1976 sconvolse il Friuli. Poco meno di...

Continua...

Avventura e sport nell’alta valle dell’Isonzo

Avventura e sport nell’alta valle dell’Isonzo

La strada corre nel verde, qua, nell’alta valle dell’Isonzo, Soca in sloveno. Il fiume, 136 chilometri attraverso prima la Slovenia e poi l’Italia, si presenta con il suo verde da fiaba, verde turchese. I vecchi dicono che il colore dell’acqua è questo per l’enorme numero di morti nella Prima guerra mondiale quando 615mila soldati austrungarici e italiani si spararono addosso attraverso le bocche di 5900...

Continua...

Sui binari della Transalpina

Sui binari della Transalpina

 Una giornata nel verde. Il verde carico, intenso, declinato in mille sfumature dei boschi. E il verde smeraldo dell’Isonzo che scorre là sotto. Il treno sbuffa, ansima, ma va su, supera i ponti e si infila nelle gallerie. Da Gorizia a Bled, per un tuffo in un mondo che ha il sapore antico dell’Impero austroungarico. Il treno storico percorre i binari della ferrovia Transalpina (per gli sloveni “Bohinjske” in onore del...

Continua...
content top