content top

Parenzana, il video

Parenzana, il video

Ecco dove potete vdere il video realizzato a cura di Donatella Tretjak per l’associazione Viaggiare Slow (www.viaggiareslow.it). Il video è stato realizzato grazie alla disponibilità di Davide Raseni, volontario del Museo ferroviario di Trieste. Riprese di Riccardo Dussi, montaggio di Mauro Fabrizio Madonia    http://www.youtube.com/watch?v=IuPXJEYH4iQ

Continua...

Una passeggiata a Cluj

Una passeggiata a Cluj

E’, Cluj, oltre 300mila abitanti, il capoluogo della Transilvania, o almeno una delle città più importanti di quella che è più la grande regione della Romania (diciamo così, che Braşov e Sibiu non si offendono…). Ma, a dispetto dell’immagine un po’… tetra (sì, insomma: draculesca!) che chi non ha mai viaggiato in quelle terre può avere, Cluj è una città vivace, fresca. Merito, soprattutto, delle...

Continua...

Sei idee per Budapest

Sei idee per Budapest

Budapest è una città straordinariamente romantica, un piccolo sogno da vivere regalandosi anche soltanto un fine settimana lungo, tutto sommato a buon mercato visto che la capitale ungherese è ben collegata con l’Italia con numerosi voli low cost sia della Ryan Air (da Bergamo, Bologna, Pisa, Roma Ciampino e Treviso) sia della Wizz Air (da Bari, Catania, Forlì, Milano Malpensa, Napoli e Roma Fiumicino). Lasciandosi cullare dalla...

Continua...

Arriva lo Skopelitis, ed è festa in ogni porto

Arriva lo Skopelitis, ed è festa in ogni porto

E all’improvviso la banchina del porto si anima. C’è chi aspetta i parenti o gli amici, ci sono gli albergatori e gli affittacamere con i loro minibus che ricevono i clienti agitando i cartelli di riconoscimento, c’è chi coglie l’occasione per salutare un conoscente anche diretto altrove che a sua volta ne approfitta per scendere qualche minuto a terra, c’è – ma solo nei due mesi caldi dell’estate...

Continua...

Nicosia: a Cipro l’ultima capitale divisa in due da un confine

Nicosia: a Cipro l’ultima capitale divisa in due da un confine

Cipro è divisa in due di fatto dal 1974, ufficialmente dal 1983. A sud, la Cipro “greca”, di religione ortodossa, entrata nel 2004 nell’Unione Europea e un anno più tardi convertitasi anche all’euro. A nord, occupando poco più di un terzo della superficie dell’isola, la Cipro “turca”, anzi la Repubblica turca di Cipro nord (questo il nome dello stato autoproclamatosi indipendente il 15 novembre 1983) di...

Continua...

Cipro, a Paphos un tuffo nell’archeologia

Cipro, a Paphos un tuffo nell’archeologia

Mare, certo, ma non solo. Anzi: l’asso che l’isola di Cipro può calare per convincere i turisti (oltre al suo mare e alle sue spiagge: http://www.ilpinguinoviaggiatore.it/2012/08/paphos-cipro-in-spiaggia-con-afrodite/) è rappresentato dal suo interessantissimo patrimonio archelogico (http://www.visitcyprus.com). Nella regione di Paphos i siti di un certo interesse non mancano a iniziare dallo straordinario Parco archeologico...

Continua...

Paphos (Cipro): in spiaggia con Afrodite

Paphos (Cipro): in spiaggia con Afrodite

Afrodite, figlia di Zeus e di Dione, la dea dell’amore e della bellezza. E anche della fertilità. La “incontrate” qua, a Cipro. Perché qua è “nata” (anche se Kytera, isola greca situata sotto il “dito” più orientale del Peloponneso, si attribuisce a sua volta la “paternità” della dea…), qua “andava a bagnarsi”, qua ci sono i resti di un tempio affacciato sul mare...

Continua...

Amorgos, quel monastero è un miracolo

Amorgos, quel monastero è un miracolo

Un muro stretto, lungo, avvinghiato alla roccia di Amorgos, bianco di un bianco abbacinante, sospeso tra il cielo e il mare, a 300 m precisi dal cielo e dal mare. E ti domandi per quale miracolo resista lì, con le rocce che crollano per  i movimenti della terra, e alla pioggia, nemico terribile per il legno di cui è fatto. E’, il monastero della Panaghia Khozoviotissa, a 2 km dalla Chora, sul versante orientale dell’isola. Lo...

Continua...

Amorgos, il sorriso di sorella Irini

Amorgos, il sorriso di sorella Irini

Ad Amorgos, c’è un luogo del cuore del Pinguino, a circa 5 km dalla Chora, in direzione sud: è il piccolo monastero di Agios Georgios Valsamitis. Il nome, da cui deriva il nostro aggettivo balsamico, deriva da varsamos, la menta. Ci si arriva attraverso una stradina asfaltata ed è aperto dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 19. La leggenda dice che, tra le piantine di menta, venne trovata l’icona di San Giorgio cui venne dedicata la...

Continua...

Amorgos, il grande blu

Amorgos, il grande blu

E’ ruvida e ostica, Amorgos, ma solo perché Madre Natura si è divertita a infilarle una catena montuosa tutta in verticale e una costa scoscesa. E’ la prima impressione, veloce, fugace. Poi, però frugando nell’anima di quest’isola, quello che ti ricordi sono gli occhi di una suora che se ne sta, sola, in un piccolo monastero, e che regala a chi la va a trovare un sassolino dipinto con le sue mani: un sorriso ospitale, un viso...

Continua...
content top