content top

Parenzana, il video

Parenzana, il video

Ecco dove potete vdere il video realizzato a cura di Donatella Tretjak per l’associazione Viaggiare Slow (www.viaggiareslow.it). Il video è stato realizzato grazie alla disponibilità di Davide Raseni, volontario del Museo ferroviario di Trieste. Riprese di Riccardo Dussi, montaggio di Mauro Fabrizio Madonia    http://www.youtube.com/watch?v=IuPXJEYH4iQ

Continua...

La nostra Parenzana

La nostra Parenzana

Ecco qua l’intervista al tg di Tv Capodistria del 30 aprile 2013 con la pinguina Donatella Tretjak e con Fabrizio Masi (uno dei coautori)  dedicata alla nostra Guida della Parenzana, pubblicata da Ediciclo e in vendita (15 euro) in tutte le librerie italiane. La trovate al minuto 16’48″ http://www.rtvslo.si/tvcapodistria/archivio/play/6/165035198 Questo il link all’articolo dedicato alla Parenzana sul sito del...

Continua...

La nostra Parenzana

La nostra Parenzana

Ecco l’articolo uscito su Il Piccolo (il quotidiano di Trieste) del primo giugno 2012 – nella sezione weekend – dedicato alla “nostra” Parenzana, all’esperienza fatta dai Pinguini a...

Continua...

A piedi sul tracciato della Parenzana

Pronti a partire! Ci rimettiamo in marcia: ci attende una …passeggiata sul tracciato di quella che era la ferrovia Parenzana, la linea che un secolo fa univa Trieste a Parenzo, appunto. Sono circa 120 chilometri, oggi attraverso tre stati (Italia, Slovenia e Croazia) ma percorrendo un territorio unico, l’Istria. Quanto ci metteremo? Non lo so, quattro o cinque giorni. Guai avere fretta! E poi anche stavolta non ci siamo per...

Continua...

Parenzana, il futuro dell’Istria è nel viaggiare slow

Parenzana, il futuro dell’Istria è nel viaggiare slow

E adesso spazio al Parenzana III. Già: l’Istria ci crede, nella sua vecchia ferrovia. Eccome. E ci sta investendo molto grazie ai fondi del Programma dell’UE Interreg Slovenia-Ungheria-Croazia 2004-2006 e all’impegno dei partner sul territorio, che poi vuol dire la Contea Istriana e i Comuni di Capodistria, Isola e Pirano per la Slovenia, e Parenzo, Visinada, Portole, Buie per la Croazia. Breve sintesi di quanto successo. Dunque, con...

Continua...

Due musei piccoli piccoli per la Parenzana

Due musei piccoli piccoli per la Parenzana

Da Trieste al cuore dell’Istria in treno. L’inaugurazione, il primo aprile 1902 con il viaggio da Buie a Trieste (a Parenzo si arrivò solo poi otto mesi più tardi, dal 15 dicembre); ultima corsa il 31 agosto 1935. I numeri spiegano tutto, anche perché la sua vita fu, tutto sommato, così breve: 123,1 i chilometri di percorso, scartamento ridotto (760 millimetri), 35 stazioni, dislivello di 291 metri (punto più basso 2 metri...

Continua...

In bicicletta lungo le tracce della Parenzana e attraverso l’Istria minore

In bicicletta lungo le tracce della Parenzana e attraverso l’Istria minore

Partire da casa propria per affrontare un viaggio, anche se breve, senza l’ausilio di mezzi a motore ti pone in una lisergica sensazione di conquista. Un itinerario questo, sognato da tempo, ma mai concretizzato per mancanza di tempo e del compagno giusto. Qualcuno che, come me, sia sufficientemente bolso e amante della contemplazione per affrontare duecento e passa chilometri senza porsi traguardi ambiziosi e non disdegnare la sosta...

Continua...

Lubiana, la capitale che vive in piazza

Lubiana, la capitale che vive in piazza

Lubiana (Ljubljana) è la capitale della Slovenia, la più nordica delle ex repubbliche jugoslave. E fin qui, c’eravamo tutti. Ma voi sapevate che il nome Ljubljana deriva nel suo prefisso “Ljub” dal sostantivo sloveno ljubezen (= amore, affetto), che ha la stessa radice di love (in inglese) e di liebe (in tedesco)? Si può quindi anche denominarla letteralmente “Città Amata”. E’ certamente una delle più...

Continua...

Avventura e sport nell’alta valle dell’Isonzo

Avventura e sport nell’alta valle dell’Isonzo

La strada corre nel verde, qua, nell’alta valle dell’Isonzo, Soca in sloveno. Il fiume, 136 chilometri attraverso prima la Slovenia e poi l’Italia, si presenta con il suo verde da fiaba, verde turchese. I vecchi dicono che il colore dell’acqua è questo per l’enorme numero di morti nella Prima guerra mondiale quando 615mila soldati austrungarici e italiani si spararono addosso attraverso le bocche di 5900...

Continua...

Sui binari della Transalpina

Sui binari della Transalpina

 Una giornata nel verde. Il verde carico, intenso, declinato in mille sfumature dei boschi. E il verde smeraldo dell’Isonzo che scorre là sotto. Il treno sbuffa, ansima, ma va su, supera i ponti e si infila nelle gallerie. Da Gorizia a Bled, per un tuffo in un mondo che ha il sapore antico dell’Impero austroungarico. Il treno storico percorre i binari della ferrovia Transalpina (per gli sloveni “Bohinjske” in onore del...

Continua...
content top