content top

In visita alle Frecce

In visita alle Frecce

(ANSA) I colori italiani tingono il cielo, con scie verdi, bianche e rosse che prendono forma da mille evoluzioni. Quello delle Frecce Tricolori è uno spettacolo emozionante, creato dal lavoro dei piloti che si addestrano ogni giorno per incrociare acrobazie nell’aria trasformando in magia la passione per il volo. Un esercizio quotidiano in scena nei cieli del Friuli Venezia Giulia, a cui i turisti possono avvicinarsi entrando nella...

Continua...

Per la Lonely Planet Trieste è la città più affascinante

Per la Lonely Planet Trieste è la città più affascinante

(dal Corriere della sera, 19 febbraio 2012) Belle e dimenticate: Trieste batte tutti. Le 10 città affascinanti ignorate dai turisti La casa editrice Lonely Planet esalta il capoluogo giuliano “città inusuale” con “seducente senso elegiaco del passato” In una celebre poesia, Umberto Saba, il suo più illustre cantore, ne descriveva la “scontrosa grazia” e la paragonava a un amore reso inquieto dalla...

Continua...

Le “Nozze carsiche” di Trieste, un tuffo nell’Ottocento

Le “Nozze carsiche” di Trieste, un tuffo nell’Ottocento

Dal 1968 a Rupingrande/Repen c’è una tradizione che, se capitate nell’ultima settimana di agosto a Trieste ed è un anno dispari, non potete perdere: sono le “Nozze carsiche” (Kraska Ohcet, in sloveno). Uno spaccato del mondo che fu del Carso (il secolo è l’Ottocento, infatti) che richiama ogni edizione un numero sempre maggiore di turisti e curiosi, in un mix di usi e costumi, danze e balli, canti e riti, cibo e vino! Sempre,...

Continua...

La tipica casa del Carso? A Rupingrande/Repen

La tipica casa del Carso? A Rupingrande/Repen

Case robuste, tutte in pietra calcarea e arenaria. E poi, a delineare l’identità di ogni casa, i bei portali in pietra bianca con incisi – a volte – simboli sacri, molto più spesso la data di costruzione dell’edificio, a volte il nome del proprietario. Sono le tipiche case del Carso. A dir la verità, sul Carso sono tre i “modelli” di sviluppo urbano: primo, le case compatte, senza pertinenze agricole (il che vuol...

Continua...

Uomini e donne separati al mare: l’ultimo “muro” d’Europa è a Trieste

Uomini e donne separati al mare: l’ultimo “muro” d’Europa è a Trieste

C’è un muro in Europa che non ha nessuna intenzione di crollare, sopravvissuto com’è ai referendum e alle stagioni della storia. Ed è in Italia. Ed è vero, nessuna metafora. E’ il muro di uno stabilimento balneare triestino che dal 1903 separa, persino in mare, uomini e donne. Un bagno popolare, nel senso che non c’è triestino che non ci sia stato, se non altro da infante. Si chiama “Alla Lanterna” (dal piccolo faro, la...

Continua...

Vino, salame, formaggio e frasca: che divertenti le osmize di Trieste!

Vino, salame, formaggio e frasca: che divertenti le osmize di Trieste!

E se per pranzo abbandonaste la città? Che ne dite di un po’ di formaggio e salame in un’osmiza? Se volete “triestinizzarvi”, non potete andarvene senza aver provato l’osmiza. “Osmiza, osmiza, ma… cos’è?”, vi chiederete. In poche parole, si tratta di abitazioni private: cantine e cortili messi a disposizione dai proprietari che vendono direttamente vino e altre prelibatezze di loro produzione. Lunghe...

Continua...

Trieste e il suo bianco custode

Trieste e il suo bianco custode

Imponente. Rassicurante. Un custode, una sentinella di un bianco splendido. Sono le tre cose che mi vengono in mente se devo descrivervi il Faro di Trieste (Strada del Friuli 141). Iniziamo subito dai numeri, così capirete anche voi perché dico imponente: è alto 67,85 metri (il quarto al mondo per dimensioni); pesa 8 mila tonnellate; esternamente, è rivestito da più di 1.500 metri cubi di pietra istriana (di Orsera) nella parte...

Continua...

Trieste, la storia scritta nei Caffè

Trieste, la storia scritta nei Caffè

Vi descrivo un pochino i caffè storici di Trieste. Partiamo da piazza Unità. E quindi partiamo dal Caffè degli Specchi, quello che è considerato il salotto buono della città, fondato nel 1839 dal greco Nicolò Priovolo. Si chiama così perché, fin dalla sua inaugurazione, i fatti storici più importanti venivano ricordati con delle incisioni sugli specchi o sulle lastre di vetro (oggi ne rimangono solo tre di incisioni…)....

Continua...

Trieste in tazzina

Trieste in tazzina

Trieste ha un feeling con il caffè che è qualcosa di unico. Ma unico davvero. Perché la mia città ha coniato un vocabolario tutto suo per ordinare una tazzina. Non ci credete? Beh, eccolo qua. Imparatelo prima di venire da queste parti!!! Il vocabolario della tazzina Nero: è l’espresso in tazzina Capo: espresso macchiato caldo in tazzina Capo “in b” (dove “b” sta per bicchiere): espresso macchiato caldo servito però in un...

Continua...

A Cave del Predil, nel cuore della montagna

A Cave del Predil, nel cuore della montagna

Il loro mondo è là sotto, nel cuore del monte Re dal quale estraevano solfuri di zinco (blenda) e di piombo (galena), dove oltre 150 chilometri di gallerie si intersecano su 19 livelli a 40 metri di distanza l’uno dall’altro facendo capo in gran parte al pozzo Clara, gallerie che si sviluppano fino a 450 metri sopra e 520 sotto il livello del paese. Sono gli ultimi minatori della valle, quelli che nel 1991 si asseragliarono...

Continua...
content top